venerdì 6 luglio 2012

nessuna lacrima fatua




Di quanto è scritto e di quanto è da scrivere
ne parlo col cuore nero dei papaveri -stelle sulla mia fronte-
tra i fili d'erba arida che sanno di seccare
quando nemmeno la luna ha rugiada per una speranza.

Ma non sento pianti sommessi
né lacrime fatue a guastare l'estate degli altri
solo rosso a spiccare sul verde
tacendo alle camicie leggere e ai sandali
la caducità del quadro.




3 commenti:

  1. è il tuo abecedario. si insinua dal linguaggio, allaga quando si spiega.

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. grazie per aver letto.. grazie davvero..

      Elimina